martedì 9 agosto 2011

Casini a Londra - II

Buona sera dalla citta' impazzita. Sono a casa, ci sono stata tutto il giorno per lavorare in santa pace. Sono uscita verso le 16 per passare dal medico. Ho trovato le strade deserte, i negozi con le serrande chiuse, con solo la porta di servizio aperta, ma pronti a chiudere tutto in caso di pericolo. Sembrava una scena del far west, prima della  sparatoria.


Sono andata alla clinica, che dista pochi minuti da casa, anche se avevo ricevuto un sms comunicandomi che l'appuntamento era cancellato e che avrei dovuto prenotare di nuovo. Non riuscendo a prendere la linea, ho deciso di fare comunque una passeggiata. Al mio  arrivo,  ho trovato lo staff medico che chiudeva tutto.  Tutti a casa. "Ci sono casini e violenze a pochi isolati e non e' sicuro, passi domattina".


Amen me ne ritorno a casa, incredula ancora della situazione. Giulia la mia collega mi ha appena scritto che hanno chiuso Old Street, dove lavoriamo, ed e' corsa a casa.


Domani mi sa che vado in ufficio a piedi. non corro il rischio di portare Scarlett in Centro. 
Stay tuned....



1 commento:

Google Analytics Alternative